Tag

, ,

Cassandra

Udii uno che disse: “In verità,
Quale parola, qui, posso dire ai fanciulli?
Il vostro Dollaro è l’unica Parola,
L’Unico vostro timore la sua collera.

“Gli costruite altari alti abbastanza
Da farvi vedere, ma voi siete ciechi;
Non lo potete abbandonare tanto a lungo
Da potervi guardare indietro.

“Se la ragione vi invita a soffermarvi,
Ridete e dite che ne sapete di più;
Ma qualsiasi cosa sappiate
La tenete più nascosta di lingotti in un forziere.

“Ridete e rispondete, ‘Siamo giovani;
Ora lasciateci, dobbiamo crescere’ –
E non vi domandate quanto più di questo
Il Tempo potrà sopportare, o concedervi il Fato.

“Perché ben pochi anni compiacenti
Del vostro orgoglio hanno fatto periglio,
Pensate forse di andare avanti per sempre
Viziati e senza alcun cimento?

“Quale perduta eclissi di storia,
Quale bivacco di stelle in marcia
Ha dato il segno per voi di vedere
I Millenni, l’ultime grandi guerre?

“Che sterminio ignorato dalla storia, sterminio
Di tutto ciò che il mondo ha conosciuto mai
O sia mai stato, si è reso a voi
Così chiaro, e a voi soltanto?

“Il vostro Dollaro, e la Colomba e l’Aquila,
Formano una trinità che anche voi
Proclamate più alta di quanto non proclamiate voi stessi;
Paga bene, vi lusinga, è originale.

“E per quanto siano proprio la vostra carne e il sangue
Ciò di cui l’Aquila si ciba e si disseta,
Sarete pronti a esaltarla come l’uccello migliore,
Non conoscendo cosa pensa l’Aquila.

“Vostro è il potere, ma non lo sguardo;
Voi non vedete ciò su cui passate;
Avete a guida il tempo,
Ma non è la saggezza che vi spinge.
“Pensate forse di calpestare per sempre
Le antiche verità per voi spietate?
Non avrete mai occhi per vedere
Il mondo nel suo aspetto più sincero?

“Dovete forse pagare ciò che avete
Con tutto ciò che siete?” – Nessun’altra
Parola vi giunse, e in mezzo a una folla ridente
Ci muovemmo. Nessuno fece caso, e pochi udirono.

– Edwin Arlington Robinson –

(da Poeti americani  [1900-1956], cura e traduzioni di Roberto Sanesi, Bompiani 2014)

 

Qui sotto il testo originale.

Cassandra

I HEARD one who said: “Verily,
What word have I for children here?
Your Dollar is your only Word,
The wrath of it your only fear.

“You build it altars tall enough
To make you see, but you are blind;
You cannot leave it long enough
To look before you or behind.

“When Reason beckons you to pause,
You laugh and say that you know best;
But what it is you know, you keep
As dark as ingots in a chest.

You laugh and answer, ‘We are young;
Oh, leave us now, and let us grow:’
Not asking how much more of this
Will Time endure or Fate bestow.

“Because a few complacent years
Have made your peril of your pride,
Think you that you are to go on
Forever pampered and untried?

“What lost eclipse of history,
What bivouac of the marching stars,
Has given the sign for you to see
Millenniums and last great wars?

“What unrecorded overthrow
Of all the world has ever known,
Or ever been, has made itself
So plain to you, and you alone?

“Your Dollar, Dove and Eagle make
A Trinity that even you 30
Rate higher than you rate yourselves;
It pays, it flatters, and it’s new.

“And though your very flesh and blood
Be what your Eagle eats and drinks,
You’ll praise him for the best of birds,
Not knowing what the Eagle thinks.

“The power is yours, but not the sight;
You see not upon what you tread;
You have the ages for your guide,
But not the wisdom to be led.

“Think you to tread forever down
The merciless old verities?
And are you never to have eyes
To see the world for what it is?

“Are you to pay for what you have
With all you are?”—No other word
We caught, but with a laughing crowd
Moved on. None heeded, and few heard.

Annunci