Tag

Leggendo l’ Iliade (come) per la prima volta

Violento, sgargiante, squarcio
una creatura dilaniata arranca per alzarsi, correre
con il ventre che cola
Il sangue rende tutto più reale
pulsa nel braccio armato d’asta come nel
collo del cecchino l’attimo
presente – Ora! – prima di
far fuori i bastardi

*

Splendore in nero e ocra su un’urna greca
Bellezza come verità
Il mare come sfondo
battuto da nere navi lunghi-remi
a riva carri scudi gambe muscolose dai buoni schinieri
cavalli che impennano Bellezza! carne prima della cancrena

*

Dei dalla mente cangiante corrono avanti e indietro Inganno
una figlia afferrata per i capelli scagliata per confondere uomini
Tutto qui è conflitto ed è chiamato destino dell’uomo

*

Gloria orrenda: ferite spalancate
nutrono mosche enormi
Zoccoli sdrucciolano su smalto di sangue

I cavalli distolgono il capo
versando lacrime equine
Bellezza?
un muro con i nomi dei caduti
da entrambe le parti appassionata imparzialità

– Adrienne Rich –

(traduzione dall’inglese di Maria Luisa Vezzali)

.

Reading the Iliad (As If) for the First Time

Lurid, garish, gash
rended creature struggles to rise, to
run with dripping belly
Blood making everything more real
pounds in the spearthruster’s arm as in
the gunman’s neck the offhand
moment–Now!–before he
takes the bastards out

*

Splendor in black and ochre on a grecian urn
Beauty as truth
The sea as background
stricken with black long-oared ships
on shore chariots shields greaved muscled legs
horses rearing Beauty! flesh before gangrene

*

Mind-shifting gods rush back and forth Delusion
a daughter seized by the hair swung out
to bewilder men
Everything here is conflictual and is called
man’s fate

*

Ugly glory: open-eyed wounds
feed enormous flies
Hoofs slicken on bloodglaze

Horses turn away their heads
weeping equine tears
Beauty?
a wall with names of the fallen
from both sides passionate objectivity.

– Adrienne Rich –

(Tonight no poetry will serve, Norton 2011)
.

Annunci