Tag

,

O Terra, o Madre, fa ch’io più non riesca a pensare
ma ch’io viva soltanto; viva come, d’agosto,
i nidi delle rondini partite verso il mare:
i nidi dove al vento tremano ancora, nascoste,tenere piume dei nati che per la prima volta
le madri spinsero al volo, alcuni giorni innanzi
la migrazione sul mare. O Madre, ascolta, ascolta:
fa che nell’anima mia tremino, soli, avanzi di piume che s’impigliarono spiccando il primo volo.
Ma se non vuoi mutarmi in nido, fa che almeno
io sia come quel pazzo che a mezzogiorno, solo,
in mezzo alla strada ardente, dirige con una canna,

dimenando le braccia, l’orchestra delle cicale.
Ch’io dimentichi tutte ma tutte le parole,
ch’io senta i polmoni gonfiarsi del tuo fresco respiro
e ch’io non lo sappia lodare che in un lungo sospiro.

Fa ch’io mi creda un sèrpere di fiume, calmo, argenteo
le notti di luna piena; e il mio fluire lento
non abbia che silenzio, nella murmurea voce.
Fa ch’io sia soddisfatto come al mare una foce.

Ma se mi meditasti, o Terra, con grande fatica,
perch’io ricordi agli umili le fonti della vita
soave che tu ci desti: Madre possente e pudica,
fa di me quel che vuoi, poi ch’è tua la mia vita.

– Arturo Onofri –

(da Canti delle oasi, Tipografia Tusculana, Roma 1909)

Annunci