Tag

,

Vorrei essere il sole
che t’indugia su spalle e ginocchi,
lasciando il color delle viole
intorno ai bruni tuoi occhi.

Vorrei essere il vento,
che t’investe e ti abbraccia,
e ti sussurra parole
sfiorandoti in faccia.

Vorrei essere il mare,
che le caviglie ti lambe, e poi tutta
ti accoglie.
Chi più di lui ti può amare?

Vorrei essere l’aria,
che ti carezza i capelli con dita
di luce; l’aria
da cui respiri la vita.

Vorrei esser la sabbia,
che – al sole al mare al vento
di sé ti fa nido,

o pura come un grido
di gioia infantile,
librata come zampillo
in cielo d’aprile:
tu, la più bella
di tutte, e di tutte
la più gentile.

26 luglio 1962

– Pier Antonio Quarantotti Gambini –
(da Al sole e al vento, Einaudi, 1970)

Annunci