Ll’ oro d”o Pueta
Quanno s’arrecettaie nu pueta,
tutt’ ‘ e pariente stritte, affaccennate,
scartavano into ‘e ccarte ammuntunate,
speranno ‘e truvà sorde ‘n quantità.

Ma scarta e scarta e quanta delusione:
niente ‘e valore, sulo libbre e ccarte.
Ma nu vicino, ch’era amante ‘e ll’Arte,
dicette:-Ccà ‘ muneta nun ce sta!

Nzieme ‘e scartoffie vecchie e ammappuciate
nce sta nu sentimento vivo e overo,
songo sti vierze!-e s”e liggeva allero;
dicenno:-Amice mieie sentite ccà!

Poesia…Sulo ‘a gente analfabeta
nun ‘a capisce e perciò c”a disprezza,
nun sape quanta luce e che finezza
sta dint”o core nobile ‘e Pueta!
– Roberto Di Roberto, da Aria ‘e primmavera –

L’oro del Poeta
Quando morì un poeta
tutti i familiari, si diedero da fare,
scartavano nelle carte ammucchiate,
sperando di trovare molti soldi.

Ma scarta scarta e quanta delusione:
niente di valore , solo libri e carte.
Ma un vicino,che amava l’arte,
disse:- Qui soldi non ce ne sono!

Insieme alle carte vecchie e spiegazzate
c’è un sentimento vivo e vero,
son questi versi!- e li leggeva con tono allegro;
dicendo:-Amici miei ascoltate!

Poesia… Solo la gente analfabeta
non li comprende e perciò la disprezza,
non sa quanta luce e che raffinatezza
ci può essere nel cuore nobile di un Poeta.
(Trad. Ida Guarracino)

Annunci